Questo sito utilizza cookies tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione anche di terze parti per proporti materiale informativo in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner presti il consenso all'uso di tutti i cookies. Per informazioni e scoprire come negare il consenso al loro utilizzo clicca qui.

Un progetto di BPER BANCA
Apri menu

Inserisci la chiave di ricerca e premi invio

X

Social tips

Blog e blogger nel 2019

Il primo blog nasce nel 1997 negli Stati Uniti con il nome di WEBLOG, cioè web-log ovvero un insieme di link. Il gioco di parole è stato quasi immediato: WebLog, We-Blog, Blog.
Nel 2001 diventa uno stile di pubblicazione sparso per tutto il mondo, Italia compresa, grazie soprattutto alle prime piattaforme gratuite per la pubblicazione di contenuti generati da utenti “normali”. La massima diffusione si ha tra il 2002 e il 2007, quando ormai tutti sapevano dell’esistenza di: Blogger, AlterVista, WordPress, Windows Live Spaces o MySpace.

Il fenomeno si è talmente ampliato che, dal 2010, il 2 maggio è celebrato come la Giornata mondiale dei bloggers, ovvero tutti coloro che sono autori di un blog. Il movimento del World Bloggers Day ebbe inizio - non ci crederete - a Cebu, nelle Filippine, tentando di connettere il maggior numero possibile comunità di bloggers da tutto il mondo. Si sta ancora diffondendo e invita tutti i bloggers ad aderire, celebrare e promuovere la Giornata mondiale dei bloggers attraverso i social media.

Ma quindi cos’è esattamente un blog?
Dipende.

Ormai esistono un numero sconfinato di blog, ma possiamo dividerli in due macro aree, cioè:
i blog in stile diario personale, in cui l’autore racconta le sue storie, la sua vita, la sua visione del mondo e i blog tematici, quindi blog di cucina, di trucco, di video, di viaggi, di attualità, di arte, di videogame ecc. Diversi sono i casi di successo di blogger diventati professionisti. Vediamone alcuni insieme.

Personal Blogger
72 mila iscritti al canale YouTube, 834 mila followers su Instagram, 566 mila like sulla pagina Facebook, 16 mila followers su twitter, Camihawke è famosa per i suoi racconti di vita quotidiana carichi di ironia e intelligenza. è una speaker radiofonica e testimonial per diversi brand, ha partecipato a diversi programmi tv e videoclip musicali.

Makeup blogger
1,3 milioni di iscritti al canale YouTube, 2,5 milioni di followers su Instagram, 2,4 milioni di like su Facebook e 187 mila followers su Twitter per Clio Make Up, forse la make up blogger più famosa d’Italia.
Nato tutto su YouTube, il format di Clio è stato portato al successo grazie al programma televisivo omonimo su Real Time. Ad oggi vanta numerose collaborazioni con i brand di trucco più noti, ha redatto diversi libri e nel 2018 ha lanciato la sua linea di cosmesi.

Travel Blogger
23,5 mila iscritti al canale YouTube, 181 mila followers su Instagram, 51,6 mila like sulla pagina Facebook, 4 mila followers su Twitter Alessandro Marras e i suoi Viaggi di Ale parla di viaggi partendo da Le Falde del Kilimangiaro per arrivare a numerose collaborazioni e format con diversi operatori nel mondo del travel (Vueling, Quag, ecc) e in numerose emittenti tv come Rai o La7.

Fashion Blogger
Chiara Ferragni, Chiara Biasi, Chiara Nasti (evidentemente bisogna chiamarsi Chiara per avere successo nella moda online) c’è solo l’imbarazzo della scelta tra le fashion blogger italiane. Tra programmi tv, pagine vip e linee personali di abbigliamento (e di acqua), i numeri dei social di ognuna di loro farebbero impallidire Zuckerberg stesso.

Food Blogger
9 mila iscritti al canale YouTube, 454 mila followers su Instagram, 1 milione di like sulla pagina Facebook, ma praticamente assenti su Twitter, gli Chef in camicia sono Nicolò, Lello e Andrea. Foto meravigliose e video da acquolina in bocca di ricette interpretate tutte secondo la loro personale visione, organizzano, gestiscono e sono protagonisti di eventi culinari online e offline, perché, come scrivono loro: “per noi italiani non c’è argomento più serio della cucina.”


Videogame Blogger
Quasi 3 milioni di iscritti al canale YouTube, lo stesso numero di followers Instagram, 770mila like sulla pagina Facebook, Favij è il re indiscusso dei blog a tema videogiochi.
Il suo successo inizia nel 2012 con la sua FavijTv su YouTube. Negli ultimi anni ha scritto due libri, è diventato soggetto di figurine Panini e protagonista di due serie tv su Sky. Collabora con Nintendo, Cartoon Network, Mondadori, "la Repubblica", Disney, Fox e Vodafone. 






Ultimi articoli