Questo sito utilizza cookies tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione anche di terze parti per proporti materiale informativo in linea con le tue preferenze.
Chiudendo questo banner presti il consenso all'uso di tutti i cookies. Per informazioni e scoprire come negare il consenso al loro utilizzo clicca qui.

Un progetto di BPER BANCA
Apri menu

Inserisci la chiave di ricerca e premi invio

X

Social tips

Talenti Economici - Gli amici dell’ambiente

Il 22 Aprile è la Giornata Mondiale della Terra. Quella con la maiuscola, il pianeta Terra, esattamente il nostro pianeta, cioè l’unico che abbiamo.
Nata negli Stati Uniti per sottolineare la necessità di rispettare le risorse naturali, è diventata negli anni una giornata promossa dall’ONU per educare, informare sullo “stato di salute” e sulle ormai molteplici problematiche che è fondamentale affrontare per cercare di conservare al meglio la Terra.

Un po’ di storia

1962 Primo tentativo di sensibilizzazione negli USA da parte del Senatore Nelson

1963 Robert Kennedy attraversa 11 Stati con conferenze dedicate al tema ambientale

1969 in seguito disastro causato dalla fuoriuscita di petrolio nella baia di Santa Barbara in California, emerge palese l’esigenza di attivarsi in difesa dell’ambiente

22 aprile 1970 tutti i gruppi, gli attivisti, college e università si uniscono per manifestare contemporaneamente contro il degrado ambientale. L’impatto mediatico è importante e si uniscono alle proteste diversi vip, tra cui Paul Newman.

1990 in occasione del primo ventennale della Giornata della Terra, fu organizzata una spedizione: di alpinisti statunitensi, sovietici e cinesi rientrarono dalla scalata del monte Everest con 2 tonnellate di rifiuti abbandonati dalle spedizioni precedenti. L’evento fu seguito da tutto il mondo via satellite.

2000 grazie a internet, lo spirito pulsante dietro all’iniziativa si espandono a livello globale, innumerevoli sono i gruppi che supportano l’iniziativa e manifestano in difesa dell’ambiente, così come i personaggi famosi che danno voce ai temi caldi, uno fra tutti è Leonardo DiCaprio.

“Nel corso degli anni la partecipazione internazionale all'Earth Day è cresciuta superando oltre il miliardo di persone in tutto il mondo: è l'affermazione della “Green Generation”, che guarda ad un futuro libero dall'energia da combustibili fossili, in favore di fonti rinnovabili, alla responsabilizzazione individuale verso un consumo sostenibile, allo sviluppo di una green economy e a un sistema educativo ispirato alle tematiche ambientali.”

Francesca Michielin

Da sempre impegnata in difesa dell’ambiente, nel 2018 ha pubblicato un album intriso di natura. Per la promozione di “2640” ha avviato una campagna in collaborazione con Treedom per cui sarà piantato un avocado in Kenya ogni 200mila ascolti in streaming del disco.
Dalla home page del suo sito ufficiale si può scoprire la situazione attuale della “foresta 2640”.

Leonardo DiCaprio

Dal 1998 Leonardo DiCaprio è sicuramente uno dei maggiori esponenti dell’impegno attivo in difesa dell’ambiente. Grazie al successo di Titanic, dà vita alla Leonardo DiCaprio Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro interamente dedicata alla promozione della consapevolezza ambientale; interessato a tutte le aree di attività in favore dell'ambiente, si concentra sul riscaldamento globale, preservando nella difesa della biodiversità della Terra e sostenendo l'energia rinnovabile.

Greta Thunberg

Greta è un'attivista svedese per lo sviluppo sostenibile e contro il cambiamento climatico. Il 20 agosto 2018 ha deciso di non frequentare la scuola fino alle elezioni del settembre 2018.
La decisione di questo gesto è nata a fronte delle eccezionali ondate di calore e degli incendi boschivi senza precedenti che hanno colpito il suo paese, la Svezia, durante l'estate. Voleva che il governo svedese riducesse le emissioni di anidride carbonica come previsto dall'accordo di Parigi sul cambiamento climatico ed è rimasta seduta davanti al parlamento del suo Paese ogni giorno durante l'orario scolastico.
Il 7 settembre, poco prima delle elezioni, ha annunciato che avrebbe continuato a manifestare ogni venerdì fino a quando la Svezia non si fosse allineata con l'accordo di Parigi. Ha coniato lei lo slogan e ispirato il recentissimo Fridays For Future, che ha attirato l'attenzione degli studenti di tutto il mondo.






Ultimi articoli